Home > Rugby > Italrugby: le buone foglie dell’Albero moribondo

Italrugby: le buone foglie dell’Albero moribondo

Ovvero le risposte che ci ha dato la Nazionale di rugby nell’anno dell’ingresso dei due Club in Celtic League. Non so a voi, ma me, l’unica risposta che mi è arrivata è un bel Vattellapesca.

Laggiù, in Italy, si continua comunque a dimenticare che ‘sta roba qua è uno sport di squadra; Benetton, Aironi e Nazionale sono tre squadre diverse. Punto.

 

Laggiù, in Italy, seguire ‘sto sport è roba da Carbonari, soprattutto in città. Ci riuniamo in un pub tra ex compagni di squadra che si sono persi di vista, tra noi anche un Sudafricano e una giovane seconda linea Inglese. Il match è Italia vs Australia. Il mio amicone che allena in B ci cala allegramente la prima massima al 20’ del primo tempo: “chiunque giochi contro l’Italia sembra una squadra di merda”. E detta al cospetto dei Wallabies, la cosa mi ha fatto pensare parecchio.

 

Inutile fare tanto i calciofili. Presi uno ad uno, gli Azzurri non sono affatto male. Analizzando le partite degli Italiani, frame per frame, ai nostri eroi non manca quasi nulla rispetto agli avversari.

Anche nel gioco dinamico. Placcano in avanzamento come ossessi e gestiscono le ruck a velocità australe. Sembra anche sappiano attaccare gli spazi sfoggiando fondamentali che si richiedono di ‘sti tempi, off-load su tutti. Ma bèccano sempre la meta in più. Ma non riescono mai a fare la meta in più.

La nostra malattia, fisiologica, cronica, è nella spina dorsale. La centrale del comando. La cazzo di stanza dei bottoni. 2,8,9,10,15 e Capitanato. Hai detto niente.

Niente di nuovo, ok. Ma se i programmi si fanno ogni quattro anni si poteva anche fare di meglio.

Per i perditempo che mi stanno provando a leggere, i numeri lì sopra significano:

2: Tallonatore. Non è più sufficiente tallonare e reggere in mischia e lanciare decentemente in touche. Devi essere una terza linea aggiunta. Dinamica. Assassina. Creare la superiorità in gioco aperto. Ongaro e Festuccia fanno ormai parte della preistoria, ma Ghiraldini che aveva esordito in Nazionale col botto si sta involvendo.

8: Terza Centro. “l’affare Parisse”. Capitolo a parte per uno dei nostri più bei talenti. Il ragazzo ha mezzi superiori. Colosso con fondamentali da trequarti. Vuole fare il fenomeno. Si isola troppo in ogni zona del campo e non deve più permettersi fughe a metà campo, chè lo bècca anche mia figlia di sette anni! Oltretutto, si è reso conto contro l’Argentina di aver combinato danni e ieri, contro la difesa Aussie ci è ricascato col risultato di sparire psicologicamente.

Capitanato: vedi sopra. (Parisse). Aspettiamo da tre anni la verità sul caso Bortolami.

10: Mediano d’Apertura. Premesso che non impazzivo nemmeno per Dominguez; arrivati a ‘sto punto propongo un accademia federale dedicata esclusivamente a questo spot. Il resto sono chiacchiere. Aggiungo solo che l’unico 10 azzurrabile in questi anni è Andrea Marcato. Per il resto, andate a discuterne in club house.

15: Estremo. Problema simile a quello del 10, ma non si risolve mettendoci 10 mancati. Non si risolve mettendoci l’unico Australiano che non sa giocare a rugby: Mc Lean.

Altro caso a parte il 9: mediano di mischia. Li abbiamo nel mio ordine: Tebaldi, Semenzato, Travagli, Picone, Gori e Patelli. Li stanno bruciando tutti. Il malefico duo Mallet/Troncon sta veramente facendo di tutto per chiudere questa miniera e i fatti su questo ruolo sono già storia.

I responsabili di tutto questo sono loro due. Dite che ormai è troppo tardi per cacciare Mallet e Troncon? Piuttosto che andare con ‘sto copione ai Mondiali, no. L’impianto c’è, basta lavorarci sopra.

 

E nemmeno l’ambiente è d’aiuto. Guardando queste partite in compagnia di Anglosassoni di entrambi gli emisferi, mi rendo sempre più conto che da noi c’è quasi nessuno che capisce un benemerito. La mentalità è sempre quella del calciofilo. La gente è “stufa di perdere con onore” ma la gente dovrebbe andare a vedersi qualche partita della Benetton e rendersi pure conto che se la Nazionale avesse una “spina dorsale” appena decente diventerebbe un caso sportivo storico.

 

  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: