Home > Giornale di Bordo > I Socialminkia. (vivere e morire sul web)

I Socialminkia. (vivere e morire sul web)

Sono stati i figli migliori per diventare i genitori peggiori.

 

Nati tra gli anni ’60 e ’70; belli, liberi, colti ma nutriti. Hanno creduto negli ideali dei genitori e nella fantascienza. Hanno avuto il meglio del Pop: il rock e i fumetti. Hanno visto i fratelli maggiori scannarsi in piazza. Hanno creduto nella democrazia e in un capitalismo orizzontale. Non conoscevano il significato della parola “condivisione”; non serviva. Stavano in strada tutto il giorno a scambiarsi idee, giochi, vestiti, libri e dischi.

Hanno provato a farli fuori con la droga prima e la televisione poi. Oddìo, ci erano quasi riusciti, ma per sconfiggere il nemico; o solo addormentarne gli istinti, ci vuole la “cosa”. L’infiltrato. Il virus.

 

Internet è stata l’ultima grande utopia.

E nel social network il dandy idealista si avvelena piano piano.

Atrofizza il suo pensiero in 140 caratteri.

Seduto ore davanti al piccì “condivide” ogni genere di spazzatura orizzontalmente astiosa, sgrammaticata, puerile, ridondante, credulona…

 

 

giro…giro..ton-do….casca…il….muon-do….

 

Advertisements
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: